Lo hai bucato perché è un server di test

Sito pubblicitario. Gli utenti riempiono la form, lasciano i loro dati, partecipano ad una riffa ed intanto entrano nelle meccaniche di ingaggio pubblicitario. Dobbiamo testare quel sito, lo buchiamo e carichiamo sopra una web shell.

Photo by Simon Yeo

Sito pubblicitario. Gli utenti riempiono la form, lasciano i loro dati, partecipano ad una riffa ed intanto entrano nelle meccaniche di ingaggio pubblicitario. Dobbiamo testare quel sito, lo buchiamo e carichiamo sopra una web shell.

Lo hai bucato solo perché è un sito di test non con le configurazioni della produzione.

Questo mi sento dire dal ragazzino che gioca a fare l’account manager in un’improbabile web agency con un nome ridicolo.

Dopo aver raccolto le braccia cadute per terra, decido di rispondere spiegando…

Qualche mito da sfatare

Il server è quello di test

Se una cosa è su Internet, test o no, è alla mercé di tutti. Traffico lecito o trafico illecito. E controllare un server di test può essermi tanto utile quanto controllare un server in esercizio.

Quando si pubblica una macchina sul web, la macchina deve essere configurata in maniera opportuna. I server colabrodo, dove tutto è aperto li lasciamo alle virtual machine che tutti noi possiamo avere.

Il database è quello di test

Una volta caricata sopra la shell, navigare un po’ nei db non è stato particolarmente difficile. Quando presenti un dump o uno screenshot preso in un’attività simile a questa, parte la grande menzogna: “i dati sono dati di test, perché questo è il db di test”.

Tuttavia, sappiamo tutti che i dati usati per il test, visto che devono mantenere una consistenza semantica, al 90% dei casi sono dati che erano in produzione una settimana fa (e che probabilmente saranno ancora in produzione). Di società con una procedura di scrambling dei dati per preparare un db di test che sia completamente fasullo ma semanticamente corretto, io nella mia vita ne avrò viste non più di un paio.

Nessuno conosce la url

Se il tuo sito si chiama www.pippo.it, io che voglio bucarti non mi devo ingegnare molto per vedere se online c’è anche test.pippo.it o coll.pippo.it.

L’attaccante quindi conosce la url, tu hai lasciato la tua bella pagina dove permetti l’upload di file perché ti viene comodo fare i deploy così al venerdì sera, sei un caciottaro e dovresti fare un altro lavoro e meriti di essere bucato.

Purtroppo i tuoi clienti non meritano di dare i dati in mano proprio a te, ecco perché mi girano le lame boomerang.

Off by one

Questa è una delle tante, piccole, storie dell’orrore che quotidianamente vivo. Mi preme dire che ci sono tante web agency che invece lavorano dignitosamente, ma purtroppo ci sono certi scappati di casa in giro.

Signori, il web è un postaccio e voi non vi potete permettere di essere ignoranti. Se il vostro meccanico vi dicesse “ma sì, l’airbag non l’ho montato, tanto è solo un’utilitaria”, voi che fareste?

Siete proprio sicuri che vorrete mettere online un altro sito di test configurato a caso?

Spero di no.

Enjoy!

comments powered by Disqus