La sicurezza invisibile: abusing jsonp e la risposta della community rails

Michele Spagnuolo, non lo scopro certo io, è uno che di application security ne sa tanto. Neanche una settimana fa se ne esce con questo post che mette a nudo un problema di design di JSONP e del suo meccanismo di callback.

Photo by JD Hancock

Michele Spagnuolo, non lo scopro certo io, è uno che di application security ne sa tanto. Neanche una settimana fa se ne esce con questo post che mette a nudo un problema di design di JSONP e del suo meccanismo di callback.

Michele ha realizzato un tool, Rosetta Flash, che prende un file SWF arbitrario e ne fa l’encoding con dei magheggi spiegati nel dettaglio nel suo post originale fino a trasformarlo in una sequenza di caratteri alfanumerici, pronta per essere data in pasto ad un endpoint JSONP che, desideroso di eseguire qualcosa, prende in pasto questa callback e si carica un flash arbitrario.

Lo scenario di attacco

L’ha spiegato nel dettaglio Michele io prendo e traduco solamente per i lettori più pigri. Tre fattori che permettono l’exploit:

  • un file flash, per design, può fare delle operazioni di GET e POST verso il dominio sul quale il filmato è in hosting. Questo vuol dire che se un attaccante è in grado di fare l’upload di un file SWF opportunamente preparato, sarà in grado di recuperare i cookie di una sessione autenticata su quel dominio, senza le limitazioni imposte dal file crossdomain.xml e poi redirigere il traffico verso un dominio controllato dall’utente.
  • JSONP, sempre per design, permette di specificare i primi byte dell’output di un endpoint specificando i parametri della callback direttamente nell’URL.
  • un file SWF può essere racchiuso in un tag <object> in un dominio controllato dall’attaccante e verrà eseguito come script flash se il contenuto risulta essere un file Flash valido.

L’attaccante potrà quindi ospitare una pagina dove si carica, dentro un <object> i cui dati saranno la JSONP vulnerabile (che sarà una URL assoluta del nostro target) alla quale daremo in pasto un file SWF trasformato in caratteri alfanumerici con il tool di Michele. La JSONP onorerà la callback che, eventualmente, cercherà di fare delle POST verso il dominio dell’attaccante portandosi dietro i cookie di sessione. Per dire.

La risposta degli sviluppatori Rails

Che io abbia un debole per Ruby ed i suoi framework per lo sviluppo web non è un mistero. Rails, Sinatra, Padrino sono esempi stupendi di framework MVC1 che già offrono in modo trasparente per lo sviluppatore sia routine di filtering per i Cross Site Scripting, sia meccanismi di protezione per il Cross Site Request Forgery, sia come Rails che forza BCrypt come metodo di cifratura per le password.

Da un paio di giorni dopo il post di Michele, Rails offre protezione nativa all’exploit che lega JSONP e Flash grazie a questa pull request.

Più di mezzo milione di siti web protetti dal prossimo bundle update. Non male.

Off by one

Una delle caratteristiche principali di un buon framework è quella di annegare al suo interno tutta una serie di funzionalità base il cui funzionamento non sempre è di pubblico dominio e soprattutto non sempre compreso da tutto il bacino di utenza.

Annegare una delle mitigazioni di questo exploit all’interno della parte del framework che si occupa di gestire la callback JSONP è una risposta seria da parte del core team di rails e da l’immagine di un progetto maturo e focalizzato sulla qualità.

Vi rimando al post di Michele per le mitigazioni a livello sistemistico che includono, tra l’altro, l’uso dei secure headers di cui abbiamo parlato qualche giorno fa.

Enjoy it!

  1. per i puristi. Sinatra non forza il concetto di MVC, tuttavia è consuetudine per uno sviluppatore, applicare gli stessi concetti usati in un’applicazione Rails o Padrino anche qui. 

comments powered by Disqus