Ecco gli strumenti usati per violare il sistema di voto elettronico americano

Il meccanismo di voto elettronico degli Stati Uniti è stato tenuto sotto scacco da alcuni attaccanti provenienti da Russia, Olanda e Bulgaria. Gli attaccanti, con Acunetix, SQLMap e DirBuster, sono stati in grado di trovare una SQL Injection e trafugare i dati personali di 200.000 cittadini americani, costringendo ad un down del database di 10 giorni per la mitigazione.

Il meccanismo di voto elettronico degli Stati Uniti è stato tenuto sotto scacco da alcuni attaccanti provenienti da Russia, Olanda e Bulgaria. Gli attaccanti, con Acunetix, SQLMap e DirBuster, sono stati in grado di trovare una SQL Injection e trafugare i dati personali di 200.000 cittadini americani, costringendo ad un down del database di 10 giorni per la mitigazione.

In accordo con l’advisory dell’FBI, l’attacco è stato eseguito in modalità completamente automatizzata. Un duro colpo per l’immagine del meccanismo di voto americano che si sarebbe potuto cautelare prima con un penetration test prima del rilascio.

comments powered by Disqus